Voci – Nel vetro di un bicchiere


 

Poi il viso dell’angelo sembrò ricomporsi. I suoi lineamenti sembrano radunarsi in modo più composto, quasi umano, dentro l’ovale del suo viso. Aprì e chiuse la bocca un paio di volte senza che uscisse aria, senza che alcun suono fosse prodotto. Allungai allora la mano verso il tavolo e recuperai il bicchiere che volevo fargli bere la sera prima. E questa volta accettò. Afferrò con entrambe le mani il bicchiere e bevve a piccoli sorsi, con difficoltà, stringendo gli occhi, come se stesse ingoiando un corpo solido. Mi restituì il bicchiere. Fissai il fondo trasparente.

Poi, di nuovo, i suoi lineamenti sembrarono affogare nell’incertezza. L’angelo si rannicchiò sul divano. Qualche scossa attraversò il suo corpo. L’ala sana si aprì e sbatté a terra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...