Insiste nel suo variare


 
Il cielo era una palpebra socchiusa, le finestre
erano illuminate, le cose stavano dentro l’ombra,
le strade erano entrare in un ordine diverso,
nutrivano altre fughe. Ho tolto molti chiodi
dalle suole, ma non per questo il passo
è più leggero. La pianura insiste nel suo variare
e si viaggia senza ritorno. Accettare questa
perdita di confini, queste strade slabbrate,
può essere un tentativo di inclusione. Eppure
le cose insistono anche se non sono definibili,
come queste finestre illuminate.

 

Le altre cose qui, e qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...