“Il prigione”, ora corpo unico


Prigione 2

Riprendo dal sito di Errant Editions:

Ecco l’attesa edizione integrale de “Il Prigione” di Giuseppe Martella, che abbiamo pubblicato divisa in tre parti, come un romanzo d’appendice contemporaneo. Ogni volta ha ricevuto ampi consensi e apprezzamenti ed è stata più volte richiesta la versione integrale che avevamo in programma. Ve la presentiamo con cover d’autore elaborata da Alberto Malossi.

Il prigione cerca di illuminare tre giorni della vita di Paolo. Venditore di spazi pubblicitari, Paolo decide di andare via e di riposarsi da una cefalea che gli attanaglia la testa, gli occhi, i pensieri. Va via e arriva in un piccolo paese di mare dove spera di poter riposare, forse allontanarsi da se stesso. Ma quello che ha deciso per sé non sembra voler accadere.

Dopo un lungo e breve viaggio in treno, in autobus, Paolo diventa testimone involontario di un delitto, e inizia la sua fuga.

In questa fuga è assediato da personaggi che non sembrano dargli scampo: il vecchio Giovanni, che gli chiede di aiutarlo a gestire le ultime pratiche per la chiusura della sua attività; alcuni carabinieri che bussano alla porta del suo appartamento d’affitto alle ore più impensate; dei muratori che gli parlano in una lingua sconosciuta; un medico scostante. Le poche pagine, infine, del diario di una donna che, forse prima di prendere i voti, abitava in precedenza l’appartamento.

Il prigione è la storia di un distacco, un breve romanzo di formazione con un protagonista che non accetta di vedere, per cadere vinto nella torsione dei suoi rifiuti.

L’ebook, ora, è disponibile su Ultimabooks.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...