di una Minerva


 

Ne muoiono tanti,
altri restano nella distinzione
tra questo niente e l’infanzia.
Da un angolo, come da un lungo
centro, sollevano una domanda
e tutta la città è quest’unico sacramento,
un giro di pioggia sulle dita del balcone,
o sull’erba più alta nella consegna del polline.
La bellezza torna nelle periferie,
in un bicchiere d’orzo dalle labbra agli occhi,
dagli occhi alla testa di una Minerva.

Altri occhi qui, e qui.

Annunci

One thought on “di una Minerva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...