La regola, il ramo d’oro


Giuseppe Martella con “Nel centro della regola” traccia le sue direttrici poetiche in maniera ferma e propositiva. In poesia ogni parola scritta si paga, ogni frase, ogni frammento vengono scritti per una motivazione primaria e personale; sta a noi riuscire a creare qualcosa che vada oltre noi stessi, che sia “poesia”, rumore di noi. Martella paga i debiti alle “ombre”, crea una voce esterna e selettiva impregnata di eventi e simbologie spinte in un centro unico, potenziato dalla sacralità dell’atto: “L’ombra riaffiora e preme su tutto,/ si prolunga, cattura le bocche di ogni chiesa,/ si riconosce in questo sterminio”. In nessuna parola di “Nel centro della regola” l’autore tace il proprio desiderio, la sua inevitabile angoscia di perseguire regole e circostanze attraverso la poesia.

Con queste parole Luca Minola ha introdotto una selezione da “Nel centro della regola” sul Golden Blog, il blog di poesia dell’Almanacco del Ramo d’Oro. La selezione dei testi è in questa pagina.

Annunci

3 thoughts on “La regola, il ramo d’oro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...